XXX DOMENICA TEMPO ORDINARIO (ANNO A)
Domenica 25 ottobre


Chiesa di S. Croce - Chiesa di San Gioacchino

CANTI E LETTURE

-->indice

N.B. Se, nella S. Messa di orario, non fosse presente un numero sufficiente di cantori o non fosse disponibile uno strumentista per aiutare ad intonare,
i canti saranno indicati,
da chi presiede, sull'indice del libretto ======>.


XXX DOMENICA T.O. ANNO A
Antifona
Gioisca il cuore di chi cerca il Signore.
Cercate il Signore e la sua potenza,
cercate sempre il suo volto. (Sal 104,3-4)
INTROITO
pag. SC-20: 37 Gioia del cuore (G. Gastoldi 1555-1609)
1. Gioia del cuore, Gesù Signore, nel tuo regno ci condurrai.
Con noi nel pianto, con noi nel canto, Tu dalla croce doni la pace,
vita per sempre. Alleluia.
2. Per noi sei morto, per noi risorto, dalla morte ci salverai.
Con Te vittoria, con Te la gloria, oltre la croce splende la luce
gioia per sempre. Alleluia.
3. Festa del cuore, Gesù pastore nel deserto ci guiderai.
Con noi cammini, su noi ti chini, in ogni istante Tu sei presente,
dono sicuro. Alleluia.

Oppure
pag. 10: 75. AMATEVI FRATELLI (Machetta 1970)

1. Amatevi, fratelli, come io ho amato voi!
Avrete la mia gioia, che nessuno vi toglierà!
Rit. Avremo la sua gioia,
che nessuno ci toglierà!


3. Vi dico queste parole perché abbiate in voi la gioia!
Sarete miei amici, se l'amore sarà con voi!
Rit, Saremo suoi amici,
se l'Amore sarà con noi!

INGRESSO -->indice ^top


XXX DOMENICA T.O.
Colletta
Dio onnipotente ed eterno, accresci in noi
la fede, la speranza e la carità, e perché possiamo
ottenere ciò che prometti, fa' che amiamo ciò che comandi.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...
Oppure O Padre, che fai ogni cosa per amore e sei la più sicura difesa degli umili e dei poveri, donaci un cuore libero da tutti gli idoli, per servire te solo e amare i fratelli secondo lo Spirito del tuo Figlio, facendo del suo comandamento nuovo l'unica legge della vita.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...
* LITURGIA DELLA PAROLA *
Prima Lettura
Dal libro dell'Èsodo
Es 22,20-26

Così dice il Signore: «Non molesterai il forestiero né lo opprimerai, perché voi siete stati forestieri in terra d'Egitto. Non maltratterai la vedova o l'orfano. Se tu lo maltratti, quando invocherà da me l'aiuto, io darò ascolto al suo grido, la mia ira si accenderà e vi farò morire di spada: le vostre mogli saranno vedove e i vostri figli orfani. Se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, all'indigente che sta con te, non ti comporterai con lui da usuraio: voi non dovete imporgli alcun interesse. Se prendi in pegno il mantello del tuo prossimo, glielo renderai prima del tramonto del sole, perché è la sua sola coperta, è il mantello per la sua pelle; come potrebbe coprirsi dormendo? Altrimenti, quando griderà verso di me, io l'ascolterò, perché io sono pietoso».
Parola di Dio
SALMO RESPONSORIALE
Dal Sal 17 (18)
R. Ti amo, Signore, mia forza.
Ti amo, Signore, mia forza,
Signore, mia roccia,
mia fortezza, mio liberatore. R.

Mio Dio, mia rupe, in cui mi rifugio;
mio scudo, mia potente salvezza e mio baluardo.
Invoco il Signore, degno di lode,
e sarò salvato dai miei nemici. R.

Viva il Signore e benedetta la mia roccia,
sia esaltato il Dio della mia salvezza.
Egli concede al suo re grandi vittorie,
si mostra fedele al suo consacrato. R.
Seconda Lettura
Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési
1Ts 1,5c-10

Fratelli, ben sapete come ci siamo comportati in mezzo a voi per il vostro bene. E voi avete seguito il nostro esempio e quello del Signore, avendo accolto la Parola in mezzo a grandi prove, con la gioia dello Spirito Santo, così da diventare modello per tutti i credenti della Macedònia e dell'Acàia. Infatti per mezzo vostro la parola del Signore risuona non soltanto in Macedonia e in Acaia, ma la vostra fede in Dio si è diffusa dappertutto, tanto che non abbiamo bisogno di parlarne. Sono essi infatti a raccontare come noi siamo venuti in mezzo a voi e come vi siete convertiti dagli idoli a Dio, per servire il Dio vivo e vero e attendere dai cieli il suo Figlio, che egli ha risuscitato dai morti, Gesù, il quale ci libera dall'ira che viene.

Parola di Dio

Alleluia, alleluia.
Se uno mi ama, osserverà la mia parola,
dice il Signore, e il Padre mio lo amerà
e noi verremo a lui. (Gv 14,23)
Alleluia.

Vangelo

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 22,34-40

In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». Gli rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: Amerai il tuo prossimo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».
Parola del Signore

LETTURE -->indice ^top


OFFERTORIO
pag. 36: FRUTTO DELLA NOSTRA TERRA (Buttazzo)

1.Frutto della nostra terra del lavoro di ogni uomo
pane della nostra vita cibo della quotidianità.
Tu che lo prendevi un giorno lo spezzavi per i tuoi,
oggi vieni in questo pane cibo vero dell'umanità.
Rit. E sarò pane e sarò vino
nella mia vita, nelle tue mani,
ti accoglierò dentro di me,
farò di me un'offerta viva,
un sacrificio gradito a Te

2.Frutto della nostra terra del lavoro di ogni uomo
vino delle nostre vigne sulla mensa dei fratelli tuoi.
Tu che lo prendevi un giorno lo bevevi con i tuoi,
oggi vieni in questo vino e ti doni per la vita mia.
Oppure
pag. 36: 89. SALGA DA QUESTO ALTARE
(Signore di spighe indori - Picchi)

1. Signore di spighe indori
i nostri terreni ubertosi,
mentre le vigne decori
di grappoli gustosi.

Rit. Salga da questo altare
l'offerta a Te gradita:
dona il pane di vita
e il sangue salutare.


2. Nel nome di Cristo uniti,
il calice, il pane t'offriamo;
per i tuoi doni largiti,
Te, Padre, ringraziamo.
Rit.

3. Noi siamo il divin frumento
e tralci dell'unica vite;
dal tuo celeste alimento
son l'anime nutrite.
Rit.

OFFERTORIO -->indice ^top


Antifona alla comunione
Esulteremo per la tua salvezza
e gioiremo nel nome del Signore, nostro Dio. (Sal 19,6)
Oppure:
Cristo ci ha amati: per noi ha sacrificato se stesso,
offrendosi a Dio in sacrificio di soave profumo. (Ef 5,2)
Oppure:
Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore,
con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. (Mt 22,37)
COMUNIONE
pag. FL-01: O SALUTARIS HOSTIA (S. Tommaso D'Aquino)
O salutaris hostia
quae caeli pandis ostium,
bella premunt hostilia:
da robur, fer auxilium.
Uni trinoque Domino
sit sempiterna gloria,
qui vitam sine termino
nobis donet in patria.
Amen
Oppure
pag. 54: OLTRE LA MEMORIA (SYMBOLUM 80 - Sequeri)

1. Oltre la memoria del tempo che ho vissuto,
oltre la speranza che serve al mio domani!
Oltre il desiderio di vivere il presente,
anch’io, confesso, ho chiesto “che cosa è verità?”
E Tu come un desiderio che non ha memoria,
Padre buono,
come una speranza che non ha confini,
come un tempo eterno sei per me.

Rit. Io so quanto amore chiede
questa lunga attesa del tuo giorno, o Dio,
luce in ogni cosa io non vedo ancora,
ma la tua parola mi rischiarerà.


2. Quando le parole non bastano all’amore,
quando il mio fratello domanda più del pane!
Quando l’illusione promette un mondo nuovo,
anch’io rimango incerto nel mezzo del cammino!
E Tu Figlio tanto amato verità dell’uomo,
mio Signore,
come la promessa di un perdono eterno,
libertà infinita sei per me.
Rit.

3. Chiedo alla mia mente coraggio di cercare,
chiedo alle mie mani la forza di donare!
Chiedo al cuore incerto passione per la vita
e chiedo a te fratello di credere con me!
E Tu forza della vita, Spirito d’amore,
dolce Iddio,
grembo d’ogni cosa, tenerezza immensa,
verità del mondo sei per me.
Rit..
Dopo la comunione
Signore, questo sacramento della nostra fede
compia in noi ciò che esprime
e ci ottenga il possesso delle realtà eterne,
che ora celebriamo nel mistero.
Per Cristo nostro Signore.

COMUNIONE-->indice ^top


CONGEDO
pag. 58: SALVE REGINA (gen verde)

Salve Regina, Madre di misericordia,
vita, dolcezza, speranza nostra, salve!
Salve Regina! (2v.)

A te ricorriamo esuli figli di Eva,
a te sospiriamo, piangenti,
in questa valle di lacrime.
Avvocata nostra, volgi a noi gli occhi tuoi,
mostraci dopo questo esilio,
il frutto del Tuo seno Gesù.

Salve Regina, Madre di Misericordia.
O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.
Salve Regina!
Salve Regina! Salve! Salve!
Oppure
pag. 68: 60. AVE STELLA DEL MARE

1. Ave, stella del mare, madre gloriosa di Dio,
vergine sempre, Maria, porta felice del cielo.

2. L’Ave del messo celeste reca l’annunzio di Dio,
muta la sorte di Eva, dona al mondo la pace.

3. Spezza i legami agli oppressi, rendi la luce ai ciechi,
scaccia da noi ogni male, chiedi per noi ogni bene.

4. Mostrati madre per tutti, offri la nostra preghiera:
Cristo l’accolga benigno, Lui che si è fatto tuo Figlio.

5. Vergine santa fra tutte, dolce regina del cielo,
rendi innocenti i tuoi figli, umili e puri di cuore.

6. Donaci giorni di pace, veglia sul nostro cammino,
fa’ che vediamo tuo Figlio, pieni di gioia nel cielo.

7. Lode all’altissimo Padre, gloria al Cristo Signore,
salga allo Spirito Santo l’inno di fede e di amore. (Amen.)

CONGEDO -->indice ^top



LIBRETTO COMPLETO (indice)
25 ottobre: XXX domenica T.O. anno A
Canto di ingresso
Letture (messa del giorno)
Canto di offertorio
Canto di comunione
Canto di congedo