Carissimi Parrocchiani …

di don Carlo Govoni

È vicina la Pasqua e, per me parroco, augurare a tutti una Buona Santa Pasqua ha certamente un significato intenso e vero.

Passando per le vostre case in occasione delle benedizioni pasquali, ho ripetuto molte volte questo augurio perché la solennità della Pasqua non è soltanto un’occasione per fare una festa più grande rispetto alle altre domeniche, ma è soprattutto un’opportunità per ogni coscienza che si impegni ad accettare con rinnovato impegno l’opera di redenzione compiuta da Cristo con la sua resurrezione, dopo aver lavato i nostri peccati col suo sangue.

La Pasqua è il vertice di tutta la salvezza, perciò, affinché sia vissuta bene, secondo la volontà di Cristo, deve assumere la caratteristica di una trasformazione interiore sempre più radicale, chiamata "CONVERSIONE"

Pasqua, che significa ‘passaggio’ come tutti sanno nasce storicamente nel ricordo del passaggio del popolo ebreo attraverso il Mar Rosso, ma per noi cristiani, richiama un ‘passaggio’ ancora più importante, quel passaggio che Dio ha voluto aprirci, mediante la Passione, morte e resurrezione del Suo Figlio, dandoci l’occasione di passare dal triste stato di schiavi del peccato, alla meravigliosa realtà di uomini liberati dalla Grazia, pur vivendo nel quotidiano le immancabili difficoltà delle tentazioni.

Per questo motivo la Chiesa, in ogni quaresima, ripropone a tutti i fedeli questo "passaggio" con la viva esortazione a rinunciare alle proposte del mondo che ci rendono schiavi e che, immancabilmente, sono sempre in netto contrasto con la Volontà di Dio.

Tutti conosciamo queste proposte mondane, anche se poi non le vogliamo riconoscere quando ci riguardano:

amare solo ciò che piace al proprio io - espressione massima di egoismo - anche quando questo ci porta contro tutti e tutto, pur di salvaguardare incontrastato il predominio di se stessi;

amare la propria libertà di agire fino al punto di ignorare, e a volte disprezzare, la priorità che spetta a Dio, creatore di tutto;

ignorare volutamente la legge naturale, cioè quella regola universale offerta da Dio agli uomini affinché raggiungano il bene pur non conoscendo la rivelazione;

confondere l’amore con la sessualità, dimenticando il progetto del Creatore …

L'elenco potrebbe continuare, ma sarebbe troppo triste constatare dove è caduta tanta parte dell'umanità! È più conveniente - per la salvezza e la santificazione dell’anima - sostituire le allettanti offerte del mondo con quelle offerteci dagli insegnamenti di Gesù aderendo a Lui con rinnovato entusiasmo.

Tutte le celebrazioni di questo periodo di attesa della S. Pasqua mirano a sollecitare in noi un nuovo e forte impulso a cambiare vita, ad amare Dio con tutta la nostra forza e con tutta la nostra mente, impegnandoci anche se con tempi lunghi, a donarci totalmente a Lui, perché in questo dono totale consiste la vera conversione!

Un consiglio: durante questo cammino sulla strada della conversione, sarebbe opportuno non osservare quelli che ci stanno attorno per non essere distratti o frenati dalle scelte errate e soprattutto per mantenere sempre aperto il dialogo fecondo con lo Spirito Santo.

È inutile e dannoso fermarsi per confrontarsi con il comportamento degli altri, perché l'anima che cerca Dio deve avere un unico punto di orientamento e di ispirazione: lo Spirito Santo!

Dal Cenacolo in avanti nel corso dei secoli infatti, nonostante le molteplici difficoltà incontrate, lo Spirito Santo non ha mai cessato di effondere abbondantemente il suo aiuto.

Occorre solo che fra i credenti vi sia più fede e più coraggio di andare contro corrente!

Quando una coscienza si accorge che il cammino che sta percorrendo non porta esattamente a Dio deve sapersi fermare e tornare immediatamente indietro anche se questo comporta la perdita di qualche pseudo amico … anche se questo ci costringesse, per assurdo, a restare soli con Dio. Ricordiamoci che quando si è sulla strada di Dio non si rimane mai soli, e più si ci si allontana dal mondo, più ci si avvicina a Dio, unico e sommo bene!

Se ci lasciamo investire dalla luce della Resurrezione, le tentazioni del Maligno si dissolveranno come nubi.

Buona Santa Pasqua a tutti!